4 Giorni in Alto Adige – Cosa Fare

Splendido Trekking nelle Alpi

Se avete a disposizione qualche giorno da concedervi per un po’ di relax nel periodo estivo e amate la montagna, ecco qualche suggerimento per voi: 4 giorni in Alto Adige.

Il Trentino Alto Adige non è solo sci d’inverno e trekking d’estate, ma i suoi paesaggi immersi nella natura aprono infinite possibilità e anche le città, dal carattere più austriaco che italiano, sono una valida alternativa alle bellissime passeggiate immerse nel verde.

Ecco come organizzare 4 giorni in Alto Adige, la parte più settentrionale di questa regione al confine con l’Austria.

1° Giorno – Biciclettata San Candido – Lienz ^

Arrivati il primo giorno in Alto Adige, e più precisamente a San Vigilio di Marebbe, montiamo la tenda in campeggio e ripartiamo subito. È altissima stagione, quindi non siamo riusciti a trovare una sistemazione più vicina alle attrazioni da visitare.

In circa un’ora di auto arriviamo a Dobbiaco, dove prendiamo a noleggio le biciclette per pedalare sulla bellissima ciclabile San Candido – Lienz. Partiamo in tarda mattinata su questa ciclabile di circa 50 km che si snoda per buona parte oltre il confine italiano, nell’Austria meridionale. Il percorso è piuttosto semplice, adatto anche per i bambini che raramente potranno stancarsi e in più le tappe lungo il tragitto permettono di riprendere fiato.

4 Giorni in Alto Adige - Ciclabile San Candido Lienz

Centro Storico di San Candido - Bolzano - Tra le due Chiese

La nostra prima tappa è a San Candido, dove parte ufficialmente la ciclabile, e dove approfittiamo per pranzare durante una veloce visita in città. Proseguiamo poi immergendoci nella natura, al fianco di ruscelli, fiumi e frequenti ponti di legno. Di tanto in tanto ci fermiamo a godere dello splendido panorama circostante e così, dopo qualche dubbio sulla sua posizione, arriviamo all’affascinante fabbrica di Loacker, nata dall’omonima famiglia. Entriamo nello store della fabbrica e facciamo man bassa di wafer e dolciumi, in più dopo una visita al piccolo museo, ci fermiamo nel bar esterno a rifocillarci con qualche delizia targata Loacker.

Pista Ciclabile in mezzo al bosco

Ragazzi e cani sulla pista ciclabile del Trentino Alto Adige

Johannesplatz - Lienz - Negozi e Colonna Votiva

Ripartiamo e percorriamo in bicicletta la parte forse più bella di tutto il tragitto, qui la natura si fa sempre più protagonista e di tanto in tanto la strada, totalmente asfaltata, attraversa alcune boscaglie. Si sta facendo tardi e dobbiamo riconsegnare le biciclette entro le 19, perciò riduciamo il numero di fermate lungo il percorso. Arriviamo con pochissimo anticipo alla stazione di Lienz, in Austria, dove molliamo le biciclette.. e pensare che il piano era quello di fare anche il ritorno in sella!

Dobbiamo invece accontentarci del ritorno in treno. Intanto che aspettiamo, però, ne approfittiamo per una visita veloce anche al centro storico di Lienz, conosciuta anche come perla delle Dolomiti per la sua bellezza.

2° Giorno – Trekking alle Tre Cime di Lavaredo e Laghi del Circondario ^

Il secondo giorno dei nostri 4 giorni in Alto Adige sarà un’intera giornata di trekking. Buona parte della giornata sarà occupata dal trekking alle Tre Cime di Lavaredo, ma non meno belle sono le tappe lungo tutti i laghi che contornano il parco naturale delle Tre Cime.

Lago di Misurina ^

Lago di Misurina e Montagne - Veneto - Cosa Vedere

Arriviamo di buon’ora ai piedi della strada che conduce fino alle tre cime di Lavaredo e parcheggiamo nei pressi del lago di Misurina, un lago avvolto nella leggenda. Il panorama è piuttosto bello e siamo totalmente circondati dalle alte montagne.

Trekking delle Tre Cime di Lavaredo ^

Saliamo in quota con l’auto e raggiungiamo i 2333 metri di Altitudine del rifugio Auronzo al quale siamo arrivati attraverso la strada a pagamento che conduce fino in cima. Da qui partiamo con il nostro trekking che ci fa passeggiare tutto intorno alle famosissime tre cime di Lavaredo che, insieme alla Dolomiti, rientrano nei beni patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. La giornata sui monti è bellissima e il trekking ci occupa diverse ore. Pranziamo con qualche panino che ci siamo portati da valle e nel fare il giro che circonda le tre cime tocchiamo tutti i rifugi che si trovano qui. Il trekking è stancante, ma piuttosto suggestivo (qui la guida per organizzare al meglio l’itinerario).

Sentiero di Montagna

Tre Cime del Lavaredo - Grande 2999 mslm - Ovest 2973 mslm - Piccola 2857 mslm

Splendido Trekking nelle Alpi - Cosa fare 4 Giorni in Alto Adige

Lago Antorno ^

Il pomeriggio è ormai inoltrato, ma prima di tornare in campeggio c’è ancora tempo per qualche altra tappa. La prima si trova lungo la strada che scende dalle tre cime di Lavaredo verso Misurina. Si tratta del piccolo lago Antorno, uno specchio d’acqua che riflette l’immaginario dei tipici laghetti montani: le vette tutto intorno e gli alberi che circondano le sponde. Il tempo passa veloce e noi siamo in relax in simbiosi con la natura.

Tramonto sul lago Antorno

Lago di Landro e Punto d’Osservazione delle Tre Cime di Lavaredo ^

Cominciamo ad avvertire fame, così ripartiamo con l’intenzione di fermarci in un ristorante per cena, ma prima facciamo tappa al lago di Landro, ben più grande del precedente e sempre immerso tra le montagne. Questo lago della Val Pusteria è famoso nella zona per essere il lago più caldo di tutta l’area, e alcuni turisti nelle giornate più ‘bollenti’ ne approfittano per fare il bagno. A poca distanza da questo lago, dove ci siamo fermati circa una mezz’ora, si trova il punto di osservazione delle Tre Cime di Lavaredo sul quale è stata fatta un’installazione artistica/architettonica per godere al meglio del panorama. Questo punto di osservazione è piuttosto suggestivo e con la luce che va man mano calando vediamo le tre cime di Lavaredo che si tingono di colori più caldi. Il silenzio intorno a noi è rotto solamente dai suoni della natura e la temperatura va progressivamente rinfrescandosi, nonostante la stagione estiva, a causa dell’altitudine a cui ci troviamo.

Lago di Landro immerso tra le montagne

Tre Cime del Lavaredo - Patrimonio dell Unesco - Punto di Osservazione

Ripartiamo nuovamente in auto e raggiungiamo il ristorante dove ne approfittiamo per mangiare qualcosa di tipico, tra formaggi e canederli. La giornata è ormai finita, così torniamo in campeggio e dopo una rigenerante doccia siamo pronti per la notte.

3° Giorno – Passeggiata intorno al Lago di Braies e un po’ di Relax ^

Il terzo giorno in Alto Adige prevede un po’ di relax in più rispetto a quelli scorsi. I ritmi si abbassano e ne approfittiamo per godere ancora della natura del Trentino Alto Adige. Il lago di Braies si trova all’interno del parco naturale Fanes-Sennes-Braies e negli anni è diventato una meta imperdibile per chi ami la natura.

Le sue acque cristalline e color smeraldo le hanno valso il nome di perla delle Dolomiti, come per Lienz. Noi ci arriviamo attraverso una lunga passeggiata, ma è possibile anche parcheggiare a pochissima distanza dalle sue sponde. Qui tutto l’approfondimento su come visitare il lago di Braies. Le prime ore del pomeriggio le spendiamo in una camminata che percorre l’intera riva del lago, affollata dai numerosi turisti attirati dalla meraviglia paesaggistica di questa destinazione, che negli ultimi anni è salita alla ribalta grazie alle riprese della serie TV “A un passo dal cielo”.

La giornata procede intorno al lago e di buon’ora torniamo verso il campeggio a San Vigilio di Marebbe. Ci prendiamo le ultime ore della giornata per riposarci un po’ e dopo aver cucinato in campeggio per la prima volta, su di un fornello che ha rischiato di farci saltare in aria, ci concediamo una passeggiata in paese.

Meraviglioso Lago di Braies - Magico Trentino Alto Adige

Staccionata dentro al lago

Lago di Braies nelle Dolomiti Trentine - 4 Giorni in Alto Adige

4° Giorno – Visita di Bressanone e Trento ^

Inizialmente il nostro viaggio sarebbe dovuto durate 3 giorni, ma estasiati dalla bellezza di questi luoghi abbiamo deciso di allungarci un giorno in più. I nostri 4 giorni in Alto Adige si concludono con la visita di due città: Bressanone e Trento, anche se quest’ultima rientra nel territorio del Trentino.

Durante la notte è piovuto, così ci svegliamo con la tenda ancora un po’ bagnata. Decidiamo di smontarla dopo aver fatto la colazione in paese. Con tranquillità prepariamo la macchina e partiamo per la prima tappa: la città di Bressanone.

Bressanone ^

Bressanone dista appena 45 minuti in automobile da San Vigilio ed è più grande di quanto me la aspettassi. In ogni caso è possibile visitarla in una giornata, qui l’itinerario completo di un giorno a Bressanone. Ci spostiamo a piedi dentro le sue mura, essendo i suoi punti di interesse tutti abbastanza vicini. La visita si concentra principalmente sulla bellissima piazza Duomo, dove le architetture in stile tirolese si susseguono in una serie di edifici storici.

Approfittiamo di Bressanone anche per mangiare qualcosa molto velocemente prima di concludere la visita verso metà pomeriggio.

Duomo di Bressanone - Facciata di Duomo di Santa Maria Assunta e San Cassiano

Palazzo con crocifisso e Fiori in Piazza Duomo

Porta Sabiona di Bressanone e Merletti dei palazzi confinanti

Seminario Maggiore di Bressanone

Trento ^

Trento dista invece un’ora abbondante da Bressanone ed è la seconda e ultima provincia della regione del Trentino Alto Adige. Si trova nella parte più meridionale a poca distanza dal bellissimo lago di Garda. Ero già stato a Trento e ne ero rimasto affascinato, tanto che credo possa essere una delle migliori città italiane in cui trasferirsi a vivere. La montagne che circondano la città, il centro storico ottimamente conservato e il benessere di questa regione non hanno niente da invidiare alle possibilità che una grande città potrebbe offrire.

Il tempo a nostra disposizione non è molto, soprattutto perché vorremmo essere di ritorno a casa in prima serata. L’intenzione è quindi quella di fare una passeggiata nel centro storico per respirare l’atmosfera della città e farla conoscere anche ai miei compagni di viaggio che non vi sono ancora stati. Uno degli scorci più belli di Trento è senza ombra di dubbio piazza Duomo, dove la cattedrale di San Viglio si fonde con il palazzo Pretorio e l’antica torre civica. Rimarrei seduto qui per ore ad ammirare queste strepitose architetture, ma è tempo di raggiungere il vicino quartiere progettato da Renzo Piano, nel quale si trova anche il muSe, il museo della scienza.
Il quartiere è adiacente al centro storico, così lo raggiungiamo a piedi. Di ritorno, dopo aver passeggiato nei vicoletti che dalla piazza centrale conducono verso le piazze secondarie, arriviamo nei pressi del grande castello che si trova al fianco del centro storico. A questo link l’itinerario le foto e l’itinerario completo della visita di Trento.

Purtroppo il tempo è poco, perciò torniamo all’auto parcheggiata nei pressi della stazione e salutiamo Trento, concludendo così i 4 giorni in Alto Adige.

Palazzo Pretorio e Fontana del Nettuno

Piazza Duomo

Chiesa Santi Pietro e Paolo

Castello del Buonconsiglio Ingresso

Museo della Scienza Trento Renzo Piano

Palazzo Pretorio di Sera

Mappa dell’itinerario di 4 Giorni in Alto Adige ^

A seguire la mappa dell’itinerario di 4 giorni in Alto Adige. Attraverso i diversi colori è possibile distinguere le destinazioni di ogni singola giornata.

https://www.lorenzotaccioli.it/wp-content/uploads/2018/04/Splendido-Trekking-nelle-Alpi-600x400.jpg
px600
px400
4 Giorni in Alto Adige - Cosa FareItinerario di 4 giorni in Alto Adige. Guida alle meraviglie del parco naturale Fanes-Sennes-Braies e alle migliori città da non perdere. Cosa fare e come organizzare al meglio le escursioni in questa bellissima regione.https://www.lorenzotaccioli.it/4-giorni-in-alto-adige-cosa-fare/
Lorenzo Taccioli