CityLife – il Quartiere più Moderno d’Italia

Piazza centrale di CityLife Shopping District

CityLife è il progetto di riqualificazione urbana del quartiere Portello di Milano. Quest’area era precedentemente occupata dalla Fiera Milano City e per dare nuova vita al quartiere, creando uno spazio che valorizzasse l’intera città, si è ricorso ad architetti internazionali per la progettazione degli spazi.

Piazza centrale di CityLife Shopping District

Ad oggi è un quartiere molto moderno, contraddistinto dalle Tre Torri centrali che danno anche il nome alla piazza su cui si trovano e alla fermata della metropolitana che porta fino a qui.

La Riqualificazione del Quartiere Fiera ^

I nomi che hanno contribuito alla progettazione degli edifici presenti a CityLife sono gli archistar Daniel Libeskind, Arata Isozaki e Zaha Hadid. Ognuno ha progettato anche una delle torri presenti qui, che definiscono un nuovo skyline milanese e che sono occupate da centri direzionali di multinazionali.

Il progetto si è reso necessario in seguito al trasferimento della fiera di Milano nel nuovo polo di Rho-Pero, lasciando libera un’area di ben 255.000 metri quadri. Ciò ha reso CityLife il progetto di riqualificazione urbana più ampio d’Europa.

Nel 2004 è stata istituita una gara internazionale per l’aggiudicazione del progetto, vinta da un pool di aziende riunitasi sotto il nome di CityLife. A seguito dell’assegnazione del progetto si è costituita la società CityLife controllata dal Gruppo Generali e partecipata da Allianz che ha cominciato i lavori nel 2007.

Inizialmente i lavori si sarebbero dovuti concludere in tempo per Expo 2015, ma a causa di ritardi si è concordata la nuova scadenza del 2018. In realtà altri problemi hanno ulteriormente rallentato i lavori, e nel mese di Febbraio 2019 la torre Libeskind è ancora in costruzione.

Oltre al progetto originario ne sono presenti ulteriori collaterali per aumentare gli spazi civili su di questo terreno e per aggiungere nuove torri nelle vicinanze.

Il progetto è estremamente vasto e comprende la creazione di tante infrastrutture dalla destinazione d’uso differente: da un asilo di design a orti, da spazi direzionali ad abitazioni civili fino a un centro commerciale e a parchi aperti al pubblico. Si tratta ovviamente di una zona piuttosto ricca del capoluogo lombardo e quindi frequentata principalmente per motivi business e abitata da cittadini altospendenti. Nonostante ciò il progetto ha dato nuova vita all’intero quartiere e una passeggiata tra le sue piazze e i suoi grattacieli è ovviamente un valore aggiunto per tutti.

CityLife si è posto principalmente tre obiettivi:

  • creare l’area pedonale più vasta di Milano e una tra le più grandi d’Europa, limitando i parcheggi e la circolazione delle auto ai piani interrati;
  • dimezzare la cubatura totale rispetto agli edifici presenti prima dell’intervento;
  • realizzare il terzo parco della città di Milano.

Con questo intervento la fiera di Milano è stata totalmente spostata, ad eccezione di FieraMilanoCity, che è rimasto un piccolo spazio nel quale vengono comunque ospitati eventi di piccole dimensioni. Anche lo spazio della fiera rimasto qui è stato sottoposto a un intervento di riqualificazione, attraverso una copertura con una struttura metallica che avvolge l’edificio come fosse una coperta.

Fiera Milano City - CityLife Copertura struttura

Il progetto completo era stato inizialmente stimato con un costo di circa 520 milioni di euro e prevedeva anche la costruzione di un palazzo per esposizioni di arte contemporanea. Le cifre stanziate per quest’ultimo palazzo, però, sono state destinate ad altri progetti da parte del comune.

Le Residenze Hadid di CityLife ^

CityLife - Residenze Hadid

Gli spazi residenziali progettati dall’architetta irachena Zaha Hadid all’interno del progetto CityLife sono degli strani palazzi che a tratti ricordano delle grandissime navi da crociera. Il colore utilizzato principalmente è il bianco che si fonde agli altri materiali quali il vetro e il legno. I pannelli esterni, che a una lontana occhiata possono sembrare di metallo, sono realizzati in fibra di cemento.

Le residenze Hadid occupano il lato sud est di CityLife e sono sette edifici di altezze e forme tutte diverse tra loro, ma con uno stile omogeneo. Le costruzioni vanno da un minimo di cinque a un massimo di tredici piani e si affacciano direttamente sul parco.

I lavori per la costruzione delle residenze Hadid sono cominciati nel 2004 e hanno richiesto circa 10 anni per essere conclusi e, al termine delle costruzioni, occupano uno spazio di circa 38 mila metri quadri.

Le Residenze Libeskind di CityLife ^

Le residence Libeskind di CityLife hanno uno stile simile a quello delle residenze Hadid, con le quali si integrano perfettamente. I materiali impiegati sono simili, anche se si trova un uso più massiccio di cemento e, all’apparenza, meno vetrate sui lati degli appartamenti. Ritorna comunque un uso importante del legno.

Le residenze Libeskind sono otto edifici con altezza che varia dai cinque ai tredici piani e occupano il lato sud ovest di CityLife su uno spazio di circa 150 mila metri quadri. Al suo interno trovano posto ben 380 appartamenti.

Nel progetto CityLife era inizialmente presente anche un campo da golf, che sarebbe stato soppiantato dalle residenze Isozaki. A causa però di alcuni problemi si è deciso di cambiare il progetto e prenderanno il loro posto ulteriori residenze Libeskind, chiamate “mini Libeskind” per via delle loro dimensioni più contenute.

CityLife Shopping District ^

Al centro del progetto si trova CityLife Shopping District, un insieme di spazi a destinazione commerciale che occupa una superficie di ben 32.000 metri quadri. Anche in questo caso ci si è affidati a nomi celebri per la progettazione:

  • the mall, ovvero il centro commerciale al chiuso, collegato direttamente con la Torre Hadid, è stato progetto dallo studi di Zaha Hadid. Al suo interno i negozi si susseguono in uno spazio dal design contemporaneo e piacevole, dove il legno di bamboo è modellato quasi come fosse creta e dà forma a linee morbide e sinuose con colonne che sostengono la struttura e si fondono nel soffitto o nei banchi dei bar che si trovano nell’area principale;
  • la piazza centrale, sulla quale si affacciano le tre torri e circondata da un perimetro di vasche in acciaio nelle quali si trovano piante di diverso genere, è stata progettata dallo studio One Works;
  • la promenade open air, sulla quale si affacciano numerosi negozi e sotto la quale si trovano i parcheggi, è invece opera dello studio Mario Galantino. Il concept adottato in questo caso è quello di rifarsi alla vie dello shopping milanese, con una rivisitazione in chiave moderna attraverso un design pulito, minimale e contemporaneo.

Lo spazio di CityLife Shopping District risponde a diverse esigenze, con oltre 80 negozi, un supermercato, venti tra ristoranti e bar e sette sale cinema. Inutile dire che, vista anche la vocazione a quartiere direzionale, questi spazi sono spesso presi d’assalto durante le giornate lavorative e il centro commerciale serve proprio per dare vita anche durante il weekend, richiamando tante persone.

Piazza centrale di CityLife Shopping District con Residenze Hadid e Residenze Libeskind

L’inaugurazione di questi spazi è avvenuta il 29 novembre 2017 e, per l’occasione, è stato creato dall’artista Jim Pallas un suggestivo spettacolo di musica e illuminazione che ha coinvolto direttamente la torre Hadid.

Le Tre Torri di CityLife ^

Quello che però più spicca di CityLife, è senz’altro la presenza delle tre torri che hanno dato anche il nome alla fermata della metropolitana che arriva fin qui. Le tre torri vanno a ridefinire lo skyline milanese finora noto, e già rivisto in seguito alla costruzione del quartiere di Porta Nuova.

Tre torri - I nuovi grattacieli di Milano

Le tre torri sono ad opera di tre diversi architetti: la Torre Hadid, nota come “lo storto”, la torre Isozaki, nota come “il dritto” e la torre Libeskind, nota come “il curvo”.

Nonostante l’intero progetto si sarebbe dovuto concludere entro il 2018, la torre PwC non risulta ancora terminata. I lavori all’inizio del 2019 procedono veloci e i piani di quest’ultima torre aumentano di giorno in giorno, secondo la sua struttura particolare.

Tre torri di CityLife - Torre Hadid Torre Generali e Torre PwC

Torre Hadid (lo storto) – Torre Generali ^

La torre Hadid è nota anche come torre Generali, in quanto sede milanese del celebre gruppo assicurativo. Per via della sua forma che si rigira su se stessa è denominata benevolmente come “lo storto” ed è stata recentemente al centro di qualche polemica per via dell’enorme insegna rossa apposta come coronamento alla fine del 2018 che rovinerebbe l’aspetto del grattacielo.

All’interno del progetto di CityLife è la seconda torre più alta e nel 2016 ha vinto il premio per grattacielo più bello dell’anno da parte di Emporis, la società di Amburgo che raccoglie dati sugli edifici più alti del mondo.

Il progetto della Torre Hadid è stato particolarmente seguito, perché è tra i primi a sviluppare una torre in torsione attraverso una struttura interamente in calcestruzzo. La sua altezza di 177 metri ospita al suo interno 44 piani, 39 dei quali adibiti ad uffici. A questi vanno sommati ulteriori 15 metri dell’insegna di Generali. La Torre Hadid si fonde perfettamente con il centro commerciale, al quale è direttamente collegato.

La costruzione dell’intera torre è cominciata nell’agosto del 2014 e si è conclusa nel 2017: il 15 ottobre è stata ufficialmente aperta al pubblico durante una giornata organizzata dal FAI.

Torre Isozaki (il dritto) – Torre Allianz ^

La torre Isozaki ha uno sviluppo verticale più standard e per questo è nominata anche “il Dritto” e presenta dei lunghi tiranti alla base che migliorano la stabilità.

Torre Isozaki - Il Dritto di CityLife - Torre Allianz

La torre Isozaki è il secondo edificio più alto d’Italia (dopo la torre Unicredit) e l’edificio che raggiunge la maggiore altitudine in tutta Milano. Questo è il motivo per cui il 22 novembre 2015, è stata aggiunta sulla sua cima una copia della Madonnina: lo statuto della città di Milano prevede infatti che il suo simbolo sia issato sul tetto più alto della città. Prima della torre Isozaki la madonnina fu issata:

  • sul duomo di Milano nel 1774;
  • sul tetto del Pirellone nel 1960;
  • sul tetto del palazzo della regione Lombardia nel 2010.

L’edificio raggiunge un’altezza di 209 metri suddivisi su 50 piani, 46 dei quali a destinazione uffici. Inizialmente doveva essere occupata dal gruppo Generali, ma poi è stata acquistata dalla società assicurativa Allianz, che le ha dato il nome.

I lavori di costruzione sono cominciati nel marzo 2012 con le fondamenta e a, seguito dell’aggiudicazione dell’appalto nel maggio dello stesso anno, è proceduto via via più svelto fino a raggiungere l’incredibile tasso di costruzione di un piano a settimana nel maggio 2013. I lavori sono continuati poi con la copertura dei piani attraverso pannelli in vetro, che regalano agli interni una splendida vista panoramica sulla città e una bellissima illuminazione naturale.

La torre Isozaki fu ufficialmente ultimata nel febbraio 2015 e inaugurata circa nove mesi più tardi. La sua forma le è valsa il premio di Emporis come terzo grattacielo più bello dell’anno nel 2015.

Torre Libeskind (il curvo) – Torre PwC ^

Meno fortunata delle due sorelle, è invece la torre Libeskind, soprannominata “il curvo” per via della sua forma una volta ultimata. Infatti proprio questa torre, che una volta terminata sarà quella dalla forma più insolita e, probabilmente, la più bella, è ancora in fase di costruzione. I lavori cominciati nell’ottobre 2015 sono stati sospesi per poi riprendere all’inizio del 2017. Nonostante ciò sono proceduti un po’ a rilento fino ad aprile 2018, arrivando a costruire solamente fino al quarto piano, mentre sono partiti in maniera più spedita nella seconda metà dell’anno: a dicembre 2018 si era raggiunto il ventesimo piano e sembra che la velocità di costruzione sia notevolmente aumentata.

Una volta terminata arriverà all’altezza di 175 metri per 28 piani e la sua forma curva avrà un’area concava che, nella parte più alta, si svilupperà verticalmente oltre alla sua sagoma, dando quasi un’idea di sospensione nel vuoto. La parte più alta della torre è definita Corona e avrà un grande spazio vetrato che sarà in parte occupato da un grande openspace, dall’altro ospiterà i meccanismi di ascensori e montacarichi.

Al piano più basso, invece, verrà creata un’area congressi con tre sale da 50 posti l’una. Il termine dei lavori è previsto per il 2020.

La torre Libeskind ospiterà gli uffici della PwC, un’agenzia di consulenza internazionale che opera in 158 paesi del mondo.

Il Palazzo delle Scintille ^

Sul lato orientale del nuovo quartiere di CityLife si trova il palazzo delle Scintille, ristrutturato all’interno del progetto di riqualificazione urbana.

Questa costruzione, risalente al 1923, era anche nota come Padiglione 3 e ospitava inizialmente il primo palazzetto dello sport della città di Milano. All’epoca il progetto venne affidato all’architetto Paolo Vietti-Violi che completò la struttura con una grande cupola ellittica in vetro e metallo, a chiusura dei 32 metri di altezza del palazzo.

Negli anni il palazzo delle Scintille ospitò numerose manifestazioni sportive ed esposizioni e, in via del tutto eccezionale, gli spettacoli estivi del teatro alla Scala nel 1946, quando il teatro era in fase di ristrutturazione a causa dei bombardamenti subiti nel 1943.

CityLife - Palazzo delle Scintille con cupola ellittica in vetro e metallo

Gli spazi interni del palazzo delle Scintille sono davvero generosi e piuttosto ariosi, rendendo questo spazio effettivamente polifunzionale. Se inizialmente rappresentava un punto di incontro tra il polo fieristico e il resto della città, oggi rappresenta la congiunzione tra lo stile contemporaneo dei grattacieli e delle architetture di CityLife e il passato della città.

Ingresso al palazzo delle scintille con targa a Leone Delagrange

La ristrutturazione degli esterni è stata completamente terminata e le facciate in cemento armato dalle forme regolari e le grandi finestre sono tornate a brillare sotto i timidi raggi di sole milanese. Esternamente, verso piazza VI Febbraio si trova anche una targa commemorativa di Leone Delagrange, che passò di qui durante il primo salone internazionale areonautico. La targa celebra il primo uomo riuscito a volare.

Gli interni del Palazzo delle Scintille sono invece attualmente in ristrutturazione: un grande spazio di 15 mila metri quadri dotato di due piani di ballatoi costruiti in legno. Affacciandosi da una delle grandi porte in vetro che danno sull’esterno si potrà notare il grande spazio attualmente vuoto.

Nel progetto di CityLife il palazzo delle Scintille sarebbe dovuto essere un museo per bambini e un’arena per concerti, ma il parere negativo della soprintendenza ha bloccato il progetto e l’edificio tornerà ad essere uno spazio per eventi di ogni genere, ma temporanei.

I Palazzi in stile Liberty ^

Così come il Palazzo delle Scintille, intorno a CityLife si trovano ancora alcuni palazzi in stile Liberty che contrastano e arricchiscono lo stile futurista di questo nuovo spazio.

Fontana delle Quattro Stagioni di Milano in piazza Giulio Cesare - Fontana Liberty a CityLife

Tra questi si trova la grande fontana in piazza Giulio Cesare, nota con il nome di “fontana delle quattro stagioni”, dotata di una lunghissima vasca di oltre 80 metri, per una larghezza di quasi 20 metri. La struttura in calcestruzzo è divisa in tre parti principali, comunicanti tra loro.
La parte centrale rialzata di tre gradini è dotata di una piccola isola di roccia naturale con installati 48 getti d’acqua disposti in forma circolare. A questi si sommano altri 60 getti d’acqua disposti sul perimetro della fontana e, al centro, un unico getto spruzza verso l’alto per oltre 20 metri.

Intorno alla vasca della fontana delle quattro stagioni si trovano delle fioriere, intervallate a forme quali piramidi, sfere e pigne.

La costruzione di questa fontana risale al 1927 e fu progettata con l’intento di abbellire una piazza che versava in condizioni di degrado. Lo stile seguito nella progettazione è quello classico con l’aggiunta di elementi neobarocchi. Le quattro stagioni sono rappresentate dalla statue poste sul perimetro della vasca.

Su questa piazza si trovano delle bellissime palazzine, sempre in stile Liberty. Su alcune di queste la vegetazione è cresciuta su di un lato del palazzo, creando un decoro che abbellisce ulteriormente la struttura.

Palazzina degli Orafi - Ex Spazio della Fiera di Milano

Un altro esempio di Liberty milanese lo si trova poco distante da piazza Giulio Cesare: percorrendo il lato orientale di CityLife verso nord, si arriva all’angolo con viale Dullio.
Proprio qui, all’ingresso nel nuovo quartiere, si trovano le palazzine degli Orafi che, attualmente, ospitano la sede della fondazione Fiera Milano. Ci troviamo in Largo Domodossola 1 e questi edifici su tre livelli hanno uno stile pulito e con enormi finestre. Portano il nome di “Palazzine degli Orafi” perché fin dall’esposizione del 1923 hanno accolto al suo interno la sezione orafa. Questi edifici sono protetti dalla soprintendenza come patrimonio storico e sono stati ulteriormente valorizzati grazie alla presenza di una piazza con aiuole e viottoli che permette di godere al massimo della facciata storica degli edifici, originariamente messa in comunicazione dalla sezione centrale leggermente curva. Anche questi edifici furono progettati dall’architetto Paolo Vietti-Violi.

Vecchi palazzi fuori dal nuovo quartiere di Milano

Artline – Il Percorso artistico di CityLife ^

Coloris di Pascale Marthine Toyou ad Artline

Una costante che rende ancora più piacevole la passeggiata per CityLife è Artline: un progetto di arte pubblica a cielo aperto, visitabile gratuitamente giorno e notte muovendosi tra grattacieli e edifici in stile liberty.

Le opere esposte in maniera permanente sono oltre venti, di cui 8 a cura di artisti under 40 e le rimanenti sviluppate da nomi internazionali già affermati.

Tra le 20 opere si trovano:

  • Vedovelle e Draghi Verdi di Serena Vestrucci: una rivisitazione delle fontanelle pubbliche di Milano, dove i classici bocchelli in ottone dalla forma di drago sono stati sostituiti dalle forme di altri animali, come elefanti, giraffe e conigli;
  • Coloris di Pascale Marthine Tayou, l’opera decisamente più colorata di tutte. Consiste di una pavimentazione in calcestruzzo posta all’interno di un’aiuola che raffigura il planisfero terreste su cui si trovano piantati un centinaio di pali metallici dai colori pastello e di un’altezza variabile tra i 6 e i 12 metri. Sopra ad ognuno di questi si trova una chiusura realizzata con un uovo dello stesso materiale e colore;
  • Hand and Foot for Milan, è invece l’opera di Judith Hopf che ha installato tra le aiuole di CityLife, nei pressi delle residenze Hadid una grande mano e un grande piede che spuntano direttamente dal terreno. Entrambe sono create con l’utilizzo di enormi mattoni sagomati ad hoc per queste sculture e che collegano l’opera all’ingente opera di costruzione svolta proprio per gli edifici che la circondano.

La mappa completa e l’elenco di tutte le opere artistiche installate a CityLife sono presenti nel sito ufficiale di Artline Milano.

Artline - Percorso Artistico di CityLife - Coloris

Gli Orti Fioriti di CityLife ^

In corrispondenza dell’ingresso occidentale di CityLife, più o meno all’altezza di piazzale Arduino, si trovano gli orti fioriti. 

Gli Orti Fioriti di CityLife sono uno spazio verde, di circa 6.000 metri quadri, ai piedi delle tre torri, resi disponibili alla cittadinanza poco prima della Biblioteca degli Alberi, il parco di Milano in porta Garibaldi. Si tratta di orti-giardino, perché oltre all’utilità della coltivazione di piante, si unisce un gusto per il bello e per i fiori che queste piante producono. L’intera area ortiva è divisa in zone, come il giardino delle infinite-mente o quello delle erbe, la pergola delle zucche, il giardino dei profumi creato con piante aromatiche, il viale dei fruttiferi nani e l’orto rialzato.

Orti di CityLife ed ex palazzo della Fiera di Milano

Questo spazio è aperto al pubblico, che può approfittare per tornare a scoprire i colori e i profumi delle piante degli ortaggi che ogni giorno mette sulle proprie tavole.

Spesso nelle mattine estive, dalle 9.00 alle 13.00 vengono organizzate anche delle passeggiate guidate che svelano ogni dettaglio su questi orti fioriti.

Come Arrivare a CityLife ^

Arrivare a CityLife è estremamente semplice, soprattutto grazie alla fermata Tre Torri della metropolitana lilla (M5). Questa arriva proprio sotto alla piazza centrale di CityLife e, uscendo dalla metropolitana ci si troverà proprio ai piedi delle torri che caratterizzato questo progetto di riqualificazione.

Molto semplice è arrivarci anche in auto, infatti CityLife si trova nella parte nord occidentale del centro storico a poca distanza dalla stadio di San Siro ed è dotata di numerosi parcheggi interrati nei quali è possibile lasciare l’automobile mentre si passeggia tranquillamente qualche piano sopra.

https://www.lorenzotaccioli.it/wp-content/uploads/2019/02/Piazza-centrale-di-City-Life-Shopping-District-600x400.jpg
px600
px400
CityLife - il Quartiere più Moderno d'ItaliaGuida per una passeggiata a CityLife, tra grattacieli moderni, edifici in stile Liberty, opere d'arte e negozi. Ecco tutto ciò da non perdere.https://www.lorenzotaccioli.it/citylife-il-quartiere-piu-moderno-ditalia/
Lorenzo Taccioli