Dettifoss e Selfoss le Cascate del Canyon Islandese

Selfoss Cascata Origine Lavica

La strada per le cascate di Dettifoss e Selfoss

Arcobaleno sul Canyon

Selfoss Cascata Islanda

Inizia ad essere pomeriggio inoltrato e tutte le tappe non previste nel nord dell’Islanda, ultima delle quali Hverir, ci hanno fatto ritardare un po’ la tabella di marcia. Riprendiamo quindi la strada in direzione di Dettifoss e Selfoss, le due spettacolari cascate islandesi. Stiamo continuando a percorrere la Ring Road, che gira tutto intorno all’isola e ci troviamo su di un tratto abbastanza recente e ben asfaltato. Nonostante sia la principale strada islandese non si tratta di una strada a tre corsie per carreggiata, ma di una semplice strada ad una corsia a cui lati si trovano colline di lava che lasciano la strada leggermente rialzata. Inoltre la strada non è protetta da guard-rail, quindi è necessario prestare molta attenzione.

Procediamo spediti verso Dettifoss fino ad un bivio, nel quale il navigatore suggerisce di proseguire dritto, mentre i cartelli stradali suggeriscono di svoltare a sinistra. Proseguiamo dritto, ma considerando le brutte esperienze precedenti con il navigatore decidiamo di tornare indietro e seguire i cartelli. Abbiamo imboccato una lunga e nuovissima strada che ci condurrà dal lato occidentale della cascata. Attraverso questa via si arriva esclusivamente ad un immenso parcheggio nelle vicinanze delle cascate, ma avendo un 4×4 sarebbe possibile procedere su di un’altra strada che porta ancora più a nord.

Il sentiero di lava

Campo di Lava Islanda

Lava Solidificata

Passeggiata Canyon Jokulsargljufur

Lasciata la macchina notiamo uno spettacolo piuttosto insolito: il sentiero segnalato da percorrere per arrivare a Dettifoss si trova all’interno di un campo di lava solidificata, dove  le rocce sono di diverse forme tutte piuttosto squadrate. Ci troviamo nell’Islanda nord orientale e precisamente vicinissimi al canyon Jokulsargljufur, il quale è stato scavato negli anni dal fiume Jökulsá á Fjöllum dando vita anche a diverse cascate.

La cascata di Dettifoss

Sentiero Dettifoss cascata

Dettifoss Waterfall

Vapore Cascata Islanda

Dettifoss Natura Islanda

Durante il sentiero troviamo diversi cartelli che danno indicazioni per raggiungere, esclusivamente a piedi, sia la cascata di Dettifoss che la vicinissima cascata di Selfoss. Avvicinandoci alla prima iniziamo a sentire lo scroscio dell’acqua che cade già da una certa distanza. Il significato della parola Dettifoss è letteralmente ‘cascata dell’acqua che rovina‘ ed il fatto che arrivati sulla cascata non sia possibile vederne il fondo è già un’ottima spiegazione del nome. La cascata, alta 44 metri e larga un centinaio ha una portata impressionante (la maggiore di tutte le cascate europee) che durante l’estate è ancora più abbondante a causa dello scioglimento del ghiacciaio del Vatnajökull che dà vita al fiume. La sua origine è dovuta ad un violento terremoto causato da un’eruzione vulcanica che deviò il corso del fiume facendolo passare per una grossa fenditura nel terreno. Questo salto, a causa della violenza dell’acqua, diventa sempre più profondo, al passo di qualche centimetro ogni anno.

Gocce Umidita Cascata Dettifoss

Dettifoss Salto Cascata

Dettifoss Passeggiata sul Canyon Jokulsargljufur

Canyon Islanda Fiume Jokulsa a Fjollum

Arrivati presso la cascata ci stupiamo ancora una volta della totale mancanza di protezioni sull’affaccio nel fiume, ma ci meravigliamo al contempo della potenza della natura. Dal dislivello si alza una colonna perenne di vapore acqueo che dà spesso origini a piccoli arcobaleni ed io, sprovveduto, ho lasciato ancora una volta l’impermeabile in automobile. Dopo aver passeggiato negli umidi sentieri a strapiombo sulla cascata, decidiamo di goderci la vista dall’alto, ma il vento a sfavore fa sì che ci bagniamo completamente.. ma che spettacolo!

Ci fermiamo qualche altro minuto ad ammirare la cascata e l’andirivieni continuo di turisti, che però lasciano comunque molto vivibile il passaggio. Da qui vediamo anche la sponda opposta a cui saremmo arrivati seguendo l’altra strada. Da quella sponda il panorama sarebbe stato, probabilmente, meno bello, ma ci passeremo in serata..

La cascata di Selfoss

Riprendiamo quindi il sentiero che ci ha condotto fino a questa meraviglia e decidiamo di raggiungere la cascata ‘sorella’ Selfoss, a cui si arriva facilmente in circa 15 minuti di cammino.. Si tratta della prima cascata del fiume nel tragitto che va dalla fonte fino alla foce. A Selfoss le acque del fiume Jökulsá fanno un salto che varia dagli 8 ai 14 metri, ma la larghezza di questo salto è decisamente molto ampia tanto da ricoprire una superficie a forma di ferro di cavallo.

Selfoss Cascata Origine Lavica

Campo di Lava Islanda Nord Orientale

Fiume Jokulsa a Fjollum Islanda

Lo spettacolo di questa cascata è opposto a quello della più alta Dettifoss: già da lontano, quando si inizia ad intravedere il dislivello dell’acqua, si respira un’atmosfera di tranquillità. Sembra quasi che l’acqua scorra lenta sul letto di lava solidificata da cui di tanto in tanto emergono dei piccoli massi. Anche le persone presenti qui sono molte meno, tanto che per buona parte del tempo non c’è nessuno oltre a noi. Probabilmente questa volta il panorama migliore lo si può ammirare dalla sponda opposta del fiume, che da qui non è raggiungibile a piedi per la mancanza di ponti e che in automobile richiede diverse decine di chilometri di strada.

Lava e Acqua Islanda

Selfoss Cascata Islanda tra Lava e Natura

Noi ci sediamo qualche decina di minuti sulla sponda del fiume a goderci lo spettacolo della natura incontaminata che va in scena davanti ai nostri occhi.

Scopri tutto il tour di 8 giorni in Islanda:

https://www.lorenzotaccioli.it/wp-content/uploads/2016/12/Selfoss-Cascata-Origine-Lavica-600x400.jpg
px600
px400
Dettifoss e Selfoss le Cascate del Canyon IslandeseDettifoss, la più grande cascata europea e Selfoss un ampio ferro di cavallo di acqua. Le cascate islandesi che scorrono su un campo di lava!!https://www.lorenzotaccioli.it/dettifoss-selfoss-cascate-canyon-islanda/
Lorenzo Taccioli