Palazzi Piazza della Riforma

In tarda mattinata, dopo esserci presi con calma il viaggio, attraversiamo la dogana ed arriviamo in Svizzera. La meta è Lugano. Contrariamente al solito non ci siamo documentati troppo su ciò che ci aspetta a destinazione, perciò appena arrivati, vista anche la calura, parcheggiamo la macchina in un grande parcheggio subito fuori dalle vie più centrali e decidiamo di raggiungere la parte di lago accessibile grazie ad una spiaggia.

Ci fermiamo a mangiare qualcosa all’ombra degli alberi prima di raggiungere l’acqua e fare un bagno rinfrescante. Grover è combattuto sul da farsi, vorrebbe seguirci in acqua ma si spaventa quando non sente più la terra ferma sotto le zampe. Con un bastoncino tirato in acqua dal padrone però si dimentica tutto ed impara velocemente come muoversi anche nell’acqua più profonda.

Usciti dall’acqua, piuttosto fredda, rimaniamo qualche decina di minuti ad asciugarci e riscaldarci sotto al sole cocente. Iniziamo poi la visita vera e propria e ci incamminiamo verso il centro. Alla nostra destra c’è un piccolo ponte pedonale al di là del quale si trova il lido, la struttura balneare di Lugano, con anche le piscine.

In qualche minuto raggiungiamo la piazza centrale di Lugano: Piazza della Riforma su cui si affacciano numerosi bistrot e ristoranti. Qui nel 1798 ci fu lo scontro tra Cisalpini e Volontari in cui questi ultimi riescono ad ottenere l’indipendenza del Ticino dal governo centrale. Ad un anno di distanza, nella stessa Piazza della Riforma avviene l’uccisione dell’Abate Vanelli, il redattore del giornale progressista Gazzetta di Lugano.

Piazza della Riforma si contende il primato di piazza più bella del Ticino con Piazza Grande di Locarno. Sulla piazza si affaccia il grande Palazzo Civico, la sede del municipio, che viene costruito solamente poco prima della metà del 1800, oltre ad altri numerosi palazzi signorili.

Proseguiamo la nostra passeggiata passando sotto i portici della città.. il primo che incontriamo ha il soffitto contenente dei grandi decori di un rosso molto accesso e ci accompagna fino alla piazza dove si svolge un piccolo mercato ortofrutticolo. La nostra passeggiata continua su Via Nassa, che attraversa tutto il centro storico e passiamo per Piazza San Carlo, fino ad arrivare a Piazza Carlo Battaglini su cui si affaccia Palazzo Patuzzo.

Al termine di via Nassa si trova la chiesa di Santa Maria degli Angeli di epoca tardo-romanica. Costruita a ridosso del 1500 è nata come ringraziamento dei cittadini del borgo per la rinnovata pace tra Guelfi e Ghibellini e per ringraziare i Frati Francescani per il loro supporto caritatevole durante la peste del 1498.

Passeggiando sul lungo lago torniamo in direzione del Parco Civico Ciani: 63.000 mq di verde la cui storia inizia nel 1845 con l’acquisto dell’area da parte dei fratelli Ciani (nobili commercianti di Milano) che per evitare che la zona sia inondata puntualmente dal fiume Cassarate e dal lago effettuano un’opera di rialzo del terreno di circa 1,5 metri. Nel 1912 il parco e la villa qui sopra costruita vengono acquistati dal comune per creare il polmone verde della città.

Proprio in questo parco si trova anche il Palazzo dei Congressi della città.

La tappa successiva a Lugano, nella nostra giornata in Svizzera, è Bellinzona alla scoperta dei suoi castelli.

https://www.lorenzotaccioli.it/wp-content/uploads/2015/09/MG_4260-300x200.jpg
px300
px200
LuganoUn giorno a Lugano è sufficiente per ammirare buona parte delle sue attrazioni nella parte bassa della città. Da un bagno al lago a Piazza della Riforma.https://www.lorenzotaccioli.it/lugano/
Lorenzo Taccioli