Martina Franca – Viaggio in Puglia

Piazza Maria Immacolata, Martina Franca

Una delle cose che più mi sta piacendo di questo viaggio in Puglia è la vicinanza tra le tante cose da vedere. Lasciata una spiaggia sei subito vicino ad una città da visitare, lasciata la città c'è un piccolo paesino, e così via.. tutte le attrazioni sono decisamente vicine. Adesso, per esempio, abbiamo appena lasciato Locorotondo e continuiamo a muoverci all'interno della Valle d'Itria arrivando in appena 15 minuti di automobile a Martina Franca.

Queste due piccole città, in realtà, sono state previste come mete ipotetiche.. da fare solo se rimaneva tempo a sufficienza. Fortunatamente siamo riusciti a passarci perché sono entrambe meritevoli.

Anche Martina Franca sorge su di una collina ed è una città benestante con tantissimi edifici barocchi, che ricordano quelli salentini (di Lecce ad esempio). Il motivo di così tanto sfarzo è presto detto: la città venne fondata nel XIII secolo sul Monte di San Martino, dove vi era già un insediamento risalente al IX secolo fondato dagli abitanti di Taranto fuggiti verso nord di fronte ai Saraceni. Il principe Filippo d'Angiò concesse a tutti i nuovi abitanti della cittadina l'esenzione dal pagamento dei tributi (da qui deriva anche il nome Martina Franca) ed è per questo che si ebbero così tanti fondi per la costruzione di edifici sfarzosi e l'economia fu molto fiorente. 

Inoltre all'inizio del 1500 questa città venne scelta come residenza dai duchi Caracciolo che oltre a dare un'ulteriore spinta all'economia lasciarono come eredità diversi palazzi lussuosi.

Accediamo al centro città attraverso la Porta di Santo Stefano che si affaccia su piazza XX Settembre: una spaziosa e sgombra piazza dove si ritrovano volentieri i martinesi. Ancora più bella è però la particolare Piazza Maria Immacolata, che ospita un grande palazzo di forma semicircolare che avvolge la piazza con i suoi portici.  

Le vie del centro, come quelle della cittadina precedente, sono strette e riflettono la luce del sole.. Spesso si passa in piccoli archi sotto le case per poter procedere nella passeggiata e più ci si avvicina al quartiere del Cordonello più le strade diventano piccole e intricate. Attraverso via Vittorio Emanuele (la strada dei negozi) arriviamo davanti alla collegiata di San Martino: una chiesa in stile barocco risalente al 1755.

Raggiungiamo infine Piazza Plebiscito dove fa bella mostra di se la torre civica risalente al 1734 anche questa in stile barocco che influenzò lo stile della successiva costruzione del palazzo dell'università. Alta circa 10 metri e realizzata con una pietra locale divenne l'antagonista della vicina torre campanaria della collegiata in una sfida al potere religioso del tempo. 

https://www.lorenzotaccioli.it/wp-content/uploads/2016/02/MG_5277-300x213.jpg
px300
px213
Martina Franca - Viaggio in PugliaMartina Franca deve il suo nome ad un particolare privilegio dei suoi abitanti.. Da visitare la Piazza Maria Immacolata e gli intricati vicoli della città.https://www.lorenzotaccioli.it/martina-franca-viaggio-puglia/
Lorenzo Taccioli